Uno strumento indispensabile per l’Anno Santo

Uno strumento indispensabile per l’Anno Santo

Un percorso spirituale e reale dentro Pistoia per i pellegrini di tutte le età

 

di Dario Cafiero

Una vera Guida – spirituale e di percorso – che si ricollega alla tradizione di Santiago e da seguire per ogni tipo di cammino. Il volume, a cura di Federico Coppini e dell’Ufficio Liturgico è stato pubblicato dalle Edizioni San Jacopo della Diocesi di Pistoia.

Coppini, quanto è stato complesso realizzare una Guida del Pellegrino così – citando il Vescovo Tardelli – “materialmente ridotta” ma così ricca spiritualmente?

All’interno dell’Ufficio Liturgico, devo dire lasciandoci un po’ trasportare dall’onda dell’entusiasmo cresciuto alla notizia dell’indizione dell’Anno Santo Iacopeo, abbiamo inteso dare vita a questa guida per aiutare pellegrini e fedeli a fare un cammino un po’ particolare. La redazione della guida ha comportato sì un lavoro piuttosto articolato, ma ha dato anche l’opportunità a chi l’ha curata di riscoprire il valore trascendente di alcuni punti particolari della città, della loro origine, del loro significato, persino il perché di certe scelte architettoniche legate alla sfera spirituale dei nostri avi e concittadini del passato. Il semplice impegno di camminare ti fa accorgere di molte cose perché vai lentamente, rifletti su tutto ciò che ti capita, ma anche sul cammino passato e presente.

 

La chiarezza e il collegamento spirituale tra Santiago e Pistoia emerge in maniera lampante in tutta la Guida. Cosa pensa possa essere fatto per saldare ulteriormente questo legame anche nella nostra comunità?

Quando ci ritrovammo le prime volte nella seconda metà del 2019 per proporre alcune iniziative per l’Anno Santo Iacobeo, una delle prime proposte fu quella di recarsi con un pellegrinaggio diocesano a Santiago. Purtroppo la pandemia ha bloccato tutte le attività che comportino spostamenti. Questa situazione però amplifica in molti, anche dalle nostre parti, il desiderio di poter compiere – non appena sarà possibile – se non il cammino a piedi, almeno un pellegrinaggio organizzato a Santiago, e credo questo sia un modo per legare ancora più e meglio Pistoia alla città galiziana. Personalmente non ho avuto ancora modo di andare a Santiago, ma chi lo ha fatto racconta l’esperienza come una di quelle indimenticabili della vita e questo indubbiamente lega i cuori e le anime a luoghi, persone e incontri. La conoscenza e l’approfondimento delle tradizioni legate alla venerazione di San Giacomo a Pistoia e dei “cammini” ispirati agli antichi pellegrinaggi verso Pistoia sono sicuramente legami non solo al passato, ma ispirazione per la futura creazione di “ponti” e relazioni con altri cittadini del mondo.

 

Cosa si augura per la Guida del Pellegrino una volta terminato questo Anno Santo?

Purtroppo la situazione attuale non ci consente di fare programmi a lunga scadenza. Intanto viviamo questo Anno Santo come dono di grazia voluto per noi dal Signore. Spero che la Guida possa essere anche solo un piccolo aiuto per chi viene a trovarci da fuori, ma anche per noi pistoiesi che siamo invitati nel 2021 a “pregare, ripensare, continuare ad amare”. Se poi si riterrà che questo piccolo librettino possa avere una vita anche più lunga, oltre l’Anno Santo, magari “riadattandolo” a un “tempo più ordinario”, fuori dal Giubileo, la cosa non potrebbe farci altro che piacere.

 

La Guida del Pellegrino è disponibile presso la Libreria San Jacopo (via Puccini, 32 – 0573 21130) al costo di Euro 5.